Depuratore acque reflue Heavy

/Depuratore acque reflue Heavy
Depuratore acque reflue Heavy2018-10-20T14:00:35+00:00

Dimensionamento dell’impianto 
L’impianto HEAVY Hydrobay è dimensionato in funzione del consumo di acqua, come da grafico

0Lt.
Consumo idrico giornaliero – Modello Heavy 1500
0Lt.
Consumo idrico giornaliero – Modello Heavy 3000
0Lt.
Consumo idrico giornaliero – Modello Heavy 6000
0Lt.
Consumo idrico giornaliero – Modello Heavy 9000
0Lt.
Consumo idrico giornaliero – Modello Heavy 15000
0Lt.
Consumo idrico giornaliero – Modello Heavy 30000
0Lt.
Consumo idrico giornaliero – Modello Heavy 90000

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

Gamma Heavy 1500-90000

Come funziona

I  depuratori HYDROBAY HEAVY utilizzano un sistema di depurazione biologica attraverso efficaci miscele di polveri microbiche, creando reflui depurati idonei ad essere riutilizzati. Il processo avviene principalmente in 3 vasche opportunamente dimensionate nelle quali avvengono  i processi di ossidazione, ossigenazione , sedimentazione e separazione.  All’interno di queste cisterne l’intervento di micro organismi non patogeni opportunamente dosati, assolve il compito di depurare l’acqua, consentendo  poi il suo riutilizzo.

Questo processo richiede un’adeguato studio  e non è un  progetto standardizzato. Il risultato si ottiene  calcolando i consumi di acqua, i tempi  necessari affinche il processo biologico di depurazione si compia e i tipi di reflui contenuti nelle acque. L’obbiettivo è quello di ottenere un refluo finale, sia per il Re-Utilizzo nel lavaggio, sia per essere immesso nella rete fognaria come da Tabella 3, D.Lgs 152/2006

 

I VANTAGGI

I vantaggi

Hydrobay si pone l’obbiettivo di offrire al mercato una soluzione che riduce il consumo di acqua, permettendo la sua depurazione e il suo riutilizzo nei processi di lavaggio. Sul mercato sono disponibili molte tecnologie capaci in maniera diversa di abbattere o eliminare le sostanze inquinanti presenti nelle acque reflue. Molte di queste tecnologie risultano essere molto complesse e/o costose. Inoltre producono scarti di lavorazione di lavorazione e necessitano di agenti chimici per ottenere la depurazione stessa-. Il più delle volte l’acqua ottenuta, rientra nei parametri per essere immessa negli scarichi, ma non è utilizzabile in quanto non del tutto depurata.  Hydrobay, utilizza invece, cio’ che la natura produce. I microorganismi. del tutto naturale. Noi lo abbiamo “accellerato”, creando le condizioni le condizioni ideali per le fasi di ossigenazione , ossidazione e sedimentazione finale all’interno delle quali speciali miscele microbiche compiono la complessa operazione di biodegradazione. Un ‘equilibrio che restituisce acqua riutilizzabile per le stesse applicazioni per cui è stata scartata. Non produciamo scarti da depurare, e consumiamo solo e strettamente le nostre miscele microbiche.

 

 

POMPAGGIO E SISTEMA IDRAULICO

Come arriva l’acqua reflua al depuratore

L’impianto può essere alimentato da sistemi di raccolta esistenti,realizzando pavimentazioni di lavaggio fisse o con piattaforme modulari come  i nostri modelli HB Low o HB Easy

Nel caso sia una componente di rifiuti solidi, può essere applicato  il separatore  con raccolta in big-bag da 700 Lt. Mod. VSSL. Il pompaggio dell’acqua è garantito da una speciale pompa centrifuga autoadescante..

 

MISCELE MICROBICHE

BIOHYDRO

I depuratori Heavy dispongono di un dosatore di miscele Microbiche.
Viene applicato direttamente nel depuratore e tarato per le esigenze di lavaggio.
Dettagli

PIATTAFORMA DI LAVAGGIO

Guida alla scelta

Se non si dispone di un’area lavaggio ( area in cemento con raccolta acque), disponiamo di 3 diverse piattaforme modulari in acciaio e moduli in manufatto in cemento.
Potete visionare la gamma qui

Progettazione su misura

Dimensionamenti e valutazioni del refluo

Il Technical Department della divisione HYDROBAY fornisce la miscela di polveri in base alle esigenze di depurazione, alla quantità giornaliera di refluo da depurare, la fornitura o la consulenza necessaria per la realizzazione di aree di lavaggio.

 

LEGISLAZIONE

Impianto Heavy Hydrobay

L’IMPIANTO DI DEPURAZIONE HEAVY è progettato per rispettare le Normative nazionali ed Europee di riferimento:
– Decreto legislativo n°152 del 03/04/2006: norme in materia ambientale
– Decreto legislativo n°152 del 11/05/1999: disposizioni sulla tutela delle acque dall’inquinamento e recepimento della direttiva 91/271/CEE concernente il trattamento delle acque reflue urbane e della direttiva 91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dall’inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole
– Norma UNI-EN 1825-1: separatori di grassi – parte 1: principi di progettazione, prestazione e prove, marcatura e controllo qualità
– Norma UNI-EN 858-1: impianti di separazione per liquidi leggeri (ad esempio benzina e petrolio)
– Principi di progettazione, prestazione e prove sul prodotto, marcatura e controllo qualità
– Norma UNI-EN 858-2: impianti di separazione per liquidi leggeri (ad esempio benzina e petrolio) –

MANUTENZIONE DELL’IMPIANTO 

Linee guida generali

Gli agenti inquinanti separati dalle acque di scarico dell’autolavaggio all’interno dell’impianto sono principalmente agenti non biodegradabili (sabbie, limo, pietrisco, idrocarburi, oli, ecc). Questi tendono pertanto ad accumularsi all’interno delle diverse vasche. Nel tempo, questi accumuli divengono eccessivi e tendono a pregiudicare l’efficienza di depurazione dell’impianto (intasamento delle condotte, rilascio degli inquinanti stessi, ecc.). Pertanto è necessario svolgere delle operazioni periodiche di ispezione delle vasche e, qualora si renda necessario, provvedere allo spurgo e alla pulizia delle stesse.
Operazioni di ispezione:
– valutare, anche mediante l’ausilio di aste, la quantità di materiale depositato sul fondo del filtro percolatore aerato;
– valutare la quantità di materiale galleggiante e sedimentato accumulato all’interno del desoliatore, nonché lo stato del filtro a coalescenza estraendolo parzialmente;
– controllare anche il corretto funzionamento della soffiante; provvedere con cadenza annuale circa alla pulizia del filtro dell’aria della soffiante. In ogni caso le operazioni di ispezione, saranno più frequenti nei primi mesi di servizio dell’impianto (cadenza mensile/bimestrale), con lo scopo di individuare approssimativamente quale sarà la frequenza con la quale compiere gli spurghi. Quando, a seguito di un’ispezione, viene constatato che la quantità di materiale accumulato è eccessiva, tanto che è pregiudicata l’efficienza stessa di depurazione, è necessario procedere con le opportune operazioni di spurgo durante le quali occorre:
– estrarre completamente tutto il materiale accumulato nelle vasche;
– procedere ad un energico lavaggio di tutte le vasche e delle condotte di collegamento utilizzando strumenti per l’eliminazione di eventuali croste e residui;
– con cadenza mensile/bimestrale procedere all’estrazione del filtro a coalescenza e lavarlo energicamente con un getto d’acqua in testa all’impianto. Una volta lavato riposizionarlo nell’apposito comparto.
– prevedere anche un vigoroso lavaggio del letto filtrante presente nel filtro percolatore;
– dopo il lavaggio riempire completamente con acqua pulita tutte le vasche.


Accessorio